mercoledì 24 giugno 2020

L'Italia in coda nella digitalizzazione. Lo dice la Commissione europea






E' quart’ultima in Europa.
L'indice Desi: “Bene la preparazione al 5G, 
ma gravi carenze nelle competenze”


L’Italia perde terreno nella digitalizzazione e resta in coda in Europa. Secondo il Desi, l’indice della Commissione europea che dal 2014 misura il percorso dei Paesi verso un’economia e una società digitalizzate, il nostro Paese si piazza al 25mo posto, arretrando di una posizione rispetto allo scorso anno e tornando ai livelli del 2018. Peggio fanno solo Romania, Grecia e Bulgaria.
I dati precedenti la pandemia indicano che l’Italia è “in buona posizione” nella preparazione al 5G, arrivata al 60% contro il 21% Ue, ma frena (scendendo dalla 12ma alla 17ma posizione) sulla connettività nel suo complesso, facendo registrare un ritmo di crescita più lento rispetto agli altri Stati membri. Analogamente, le imprese italiane presentano ritardi nell’utilizzo di tecnologie come il cloud e i big data, così come per quanto riguarda l’adozione del commercio elettronico.
Le carenze più “significative” nello sviluppo del digitale in Italia riguardano però soprattutto “competenze digitali di base e avanzate” che sono “a livelli molto bassi”. Il numero di specialisti e laureati nel settore delle tlc, al 2,8%, è molto al di sotto della media Ue (3,9%). Queste mancanze “si riflettono nel modesto utilizzo dei servizi online, compresi i servizi pubblici digitali”: solo il 74% degli italiani usa abitualmente Internet contro l’85% degli europei.

Rispetto al 2018, la diffusione (“take-up”) complessiva della banda larga fissa è aumentata di un punto percentuale. La diffusione della banda larga fissa ad almeno 100 Mbps è passata dal 9% nel 2018 al 13% nel 2019. La diffusione della banda larga mobile (89 abbonamenti ogni 100 persone) è rimasta stabile rispetto al 2018. Tutti i dati sopra riportati sulla diffusione della banda larga sono inferiori alla corrispondente media Ue.
La copertura delle reti d’accesso di prossima generazione (NGA) ha continuato ad aumentare, ma solo di un punto percentuale, raggiungendo l’89% delle famiglie e superando così di tre punti percentuali la media Ue (86%). L’Italia ha accelerato il ritmo di diffusione della fibra ma resta ancora indietro (con solo il 30%) rispetto alla media Ue del 44% (che tuttavia comprende anche il passaggio delle reti via cavo.     Anche per quanto riguarda i prezzi, l’Italia si posiziona al di sopra della media Ue per tutti i panieri dei prezzi considerati (fisso, mobile, convergente). Il punteggio dell’Italia nell’indice dei prezzi della banda larga è pari a 73 rispetto a una media Ue di 64.


10.06.2020
(Prima online)

Nessun commento:

Posta un commento