venerdì 20 febbraio 2015

A Ravenna, la mostra Il Bel Paese. L'Italia dal Risorgimento alla Grande Guerra, dai Macchiaioli ai Futuristi

Al MAR (Museo d'Arte della città di Ravenna) si inaugura sabato 21 febbraio e 
resterà aperta fino a domenica 14 giugno 2015 la mostra


Il Bel Paese. L'Italia dal Risorgimento alla Grande Guerra, dai Macchiaioli ai Futuristi.

Articolata in una ricca sequenza di documenti pittorici sulle straordinarie bellezze paesaggistiche italiane la mostra offre uno spaccato di vita quotidiana delle diverse condizioni sociali in una fase storica di grandi trasformazioni politiche, economiche e culturali. 

Curata da Claudio Spadoni, la mostra si apre con una ampia sezione dove spiccano alcuni dei più noti dipinti di Induno, Fattori, Lega, Guaccimanni, dedicati all'epopea risorgimentale. Seguono altri capitoli di questo viaggio nel tempo con quadri dei maggiori artisti del tempo tra i quali Caffi, Fontanesi, Bianchi, Palizzi, Previati, Segantini e Costa. Oggetto del loro impegno artistico vette alpine, vedute lacustri, i più ammirati paesaggi marini e scorci tra i più pittoreschi delle città mete celebrate del Gran Tour, come Venezia, Firenze, Roma e Napoli nelle diverse declinazioni degli interpreti di punta del secondo Ottocento italiano, nonché di diversi artisti stranieri.




Il Bel Paese è raccontato anche attraverso immagini suggestive di tradizioni e costumi grazie a figure e rappresentazioni di Signorini, Lega, Michetti e Morbelli. Altri artisti, come Fattori, Cammarano, Cannicci e Boccioni, solo per citare alcuni nomi,  dipingono la vita quotidiana di una società ancora rurale, ma lentamente avviata verso una graduale modernizzazione. La mostra si chiude con opere realizzate tra il primo e secondo decennio del Novecento quando l'avvento del Futurismo, con Marinetti, Boccioni e altri segna il superamento della cultura e sensibilità ottocentesche.
(tratto da un articolo di Marilena Spataro)





Sito ufficiale del MAR, Museo d'Arte della città di Ravenna:

www.mar.ra.it







    

Nessun commento:

Posta un commento